Come mantenere la casa fresca in estate 

01/07/2020

L’estate è una stagione bellissima che ha i suoi lati positivi ma, come tutte le cose, anche i suoi aspetti negativi. Uno dei principali problemi connessi ai mesi estivi è il caldo. Le alte temperature, abbinate all’umidità, ci rendono più stanchi, più nervosi e stressati. Detto questo, la casa dovrebbe essere il posto in cui ripararsi dalla canicola, il posto in cui tirare un sospiro si sollievo e stare bene. Per farlo è importante saper rendere la propria casa fresca adottando dei piccoli accorgimenti.

Il condizionatore è sicuramente la soluzione più semplice e infatti più adottata dalla maggior parte degli italiani. Tuttavia non è la soluzione migliore poiché il condizionatore consuma elettricità e ha un discreto impatto ambientale.

È possibile rinfrescare casa naturalmente e con un basso impatto ambientale essenzialmente in due modi:

  • soluzione radicale: isolando termicamente la propria casa o il proprio appartamento
  • soluzione momentanea: seguendo alcuni piccoli e semplici trucchi

 

Soluzione radicale? Isolamento termico della casa 

Il consiglio principale è quello più efficace e definitivo. Tutti gli altri che vedremo tra poco sono dei piccoli rimedi che possono alleviare il caldo estivo ma non risolvere la questione alla radice. Per fare questo è necessario intervenire sulla struttura della vostra casa o del vostro appartamento.

Isolare termicamente la vostra abitazione significa renderla autonoma ed efficiente dal punto di vista del dispendio energetico. D’inverno si alza il riscaldamento per restare comodi al caldo e d’estate ci si affida al condizionatore per restare sereni al fresco. Questo metodo si traduce in consumo di risorse energetiche che contribuiscono all’inquinamento del pianeta e sono un peso economico per voi.
La coibentazione di un edificio è l’esatto opposto perché permette sia di avere un ambiente più caldo d’inverno che una casa fresca d’estate. Di conseguenza, stiamo parlando di un risparmio economico e, allo stesso tempo, di una saggia scelta eco-sostenibile.

Inoltre, l’investimento iniziale è supportato da alcune iniziative del governo italiano. In particolare, parliamo degli ecobonus approvati dalla Legge finanziaria 2020 e delle detrazioni fiscali che arrivano fino al 65% per quegli interventi mirati all’ecosostenibilità di un edificio (ricordatevi che la spesa deve essere di massimo 100.000 euro da suddividere in un arco di 10 anni). Si tratta di forti incentivi per il ripensamento energetico delle case e, più in generale, rientrano nell’insieme di iniziative volute dal governo per contrastare il fenomeno globale del cambiamento climatico.

Soluzione momentanea? Rendere la casa fresca senza il condizionatore 

L’isolamento termico in fibra di cellulosa è la scelta che può dare i risultati e il comfort migliori. Ma se siete in cerca di alcune alternative più semplici, ecco alcuni consigli per raffreddare la casa senza fare uso di aria condizionata.

  1. Chiudete le finestre durante le ore calde: se tenete le finestre o lucernari aperti e senza persiane, state, di fatto, favorendo l’entrata di correnti calde e umide. Se dovete cambiare l’aria delle stanze approfittate delle ore più fresche come il mattino presto e la sera tardi
  2. Cercate di non creare umidità: solitamente si tende a percepire molto di più il caldo se c’è un’alta percentuale di umidità nell’aria. Per questo motivo cercate di evitare di fare il bucato o una doccia durante le ore più calde della giornata. Piuttosto svolgete queste attività nelle ore più fresche. In questo modo il vapore e la condensa si disperdono maggiormente e si avvertirà di meno la sensazione di afa
  3. Schermate la luce diretta: se la luce del sole entra direttamente in casa alzerà tantissimo la temperatura. Quindi se avete balconi e finestre, dotatevi di tende (scartate i colori scuri e preferite sempre quelli chiari, soprattutto il bianco perchè riflette meglio il sole) o ombrelloni che impediscano ai raggi del sole di entrare
  4. Evitate il calore artificiale: potrebbe sembrare un’ovvietà ma quando fa molto caldo, cercate di accendere il forno o l’asciugacapelli il meno possibile. Inoltre, se decidete di chiudere casa e stare al buio per ripararvi dalla luce del sole, usate lampadine al led: quelle vecchie a incandescenza tendono a scaldarsi e a consumare di più. In ogni caso ricordate che tutte le luci sono una piccola fonte di calore quindi cercate di sfruttare di più la luce naturale
  5. Affidatevi alle piante: gli alberi sono dei veri e propri parasoli naturali in grado di ridurre moltissimo la temperatura in modo ecosostenibile all’esterno. Quindi se avete un giardino sfruttate il più possibile l’ombra creata dagli alberi. Un’altra soluzione per raffreddare le pareti esterne della casa è, se le condizioni lo permettono, avvalersi della schermatura delle piante rampicanti.
    Le piante sono un ottimo alleato anche per migliorare la qualità dell’aria all’interno della casa. Alcuni tipi, come per esempio la Sansevieria o la palma Areca, sono in grado di convertire molto bene e in fretta l’anidride carbonica in ossigeno. Avere queste piante nel nostro appartamento significa avere un’aria meno rarefatta, qualitativamente migliore e anche questo è un fattore che diminuisce molto la nostra percezione della calura estiva
  6. Usate un ventilatore: rispetto al condizionatore, il ventilatore consuma 15 volte di meno se viene usato nel modo giusto. Se volete migliorarne e potenziarne l’effetto potete mettere un recipiente con del ghiaccio davanti al ventilatore. In questo modo si creerà una brezza che contribuirà a rendere la casa fresca. I ventilatori andrebbero collocati dove si crea più calore: tipicamente nei bagni e nelle cucine
  7. Spegnete i device elettronici: durante il loro uso, gli elettrodomestici accumulano calore quindi è meglio spegnerli risparmiando così anche di energia elettrica
  8. Letto fresco = sonno migliore: dormire bene d’estate è un’impresa. Tutti conosciamo quelle terribili insonnie estive. Per mantenere il vostro letto fresco usate lenzuola di cotone perché i tessuti sintetici trattengono di più il calore. In alternativa ai cuscini normali, usate quelli in grano saraceno perché fanno passare più aria